Con i miei occhi: Venezia

Con i miei occhi, rubrica di immagini fotografiche, descrizioni, didascalie o semplici suggestioni. Pubblico miei scatti, senza un criterio predefinito, a cavallo di luoghi, epoche, esperienze. Un solo filo comune: l’assenza di selfie, non li ho mai saputi fare, non mi piacciono.   

Come fotografare Venezia in modo meno convenzionale? Se ci pensate è il luogo, nel mondo, nel quale è più facile cadere nella visione stereotipata. Facile e, a volte, piacevole, dal momento che quello che vedi è di una bellezza disarmante. Solo che io, approfittando di due giorni insperati nella Laguna, mi sono autoimposto questa sfida: con la mia piccola Canon avrei cercato di realizzare un album un pò diverso. Ecco, in 10 foto, la mia Venezia di marzo 2019.

Venezia, una città ideale per gli appassionati di fotografia

Come fotografare Venezia in modo meno convenzionale: una sera di marzo
Avevo alle spalle l’isola di San Michele. La Canon in borsa, non facilmente raggiungibile, ma l’iphone in mano. Attorno, quella luce particolare che c’è poco prima delle 19.
Come fotografare Venezia in modo meno convenzionale: la bella e il gondoliere
A volte fare il gondoliere richiede particolare professionalità: riuscire a non distrarsi. Nonostante tutto.
Venezia, nei pressi dell'Arsenale
Se percorri le Fondamenta dell’Arsenale, poco prima di incrociare il ponte che ti porterebbe in Riva Cà di Dio, si apre questo scenario intriso di poesia o romanticismo o malinconia, a seconda dei tuoi occhi. Il campanile è della Chiesa di San Giorgio Maggiore.
Il Santo Bevitore, Venezia
Nel Pub Il Santo Bevitore, a Cannaregio, si prende molto sul serio l’aggiornamento delle spine disponibili.
Venezia, la Salute e la Regata delle Donne
Una domenica di regata porta colori inusuali. Per gareggiare era necessario essere donna, aver partecipato negli ultimi tre anni a regate comunali, utilizzare queste splendide imbarcazioni: le caorline (originarie di Caorle).
Come fotografare Venezia in modo meno convenzionale: la via è dettata dalle priorità
Come nella vita, a Venezia la strada da percorrere è dettata dalle priorità.
Venezia, l'interno del Guggenheim
Sono all’interno del Guggenheim. Guardo un Magritte, ma la cosa che mi ha emozionato di più è l’opera di Calder alle mie spalle. Mi affascina l’arte cinetica.
Hilton Molino Stucky, Venezia
Sembra una foto scattata in una Repubblica baltica, in realtà l’edificio tardo-gotico è l’Hilton Molino Stucky, un grande albergo nell’isola della Giudecca ricavato da un antico opificio, aperto dal 2007.
Come fotografare Venezia in modo meno convenzionale: le case di Castello
Il sestiere Castello è quello che, rivedendolo, ha catturato la mia simpatia. Se dovessi lavorare a Venezia, cercherei una casa lì.
Andar per cicchetti e ombre a Venezia
Il tuo fotografo, come al solito, si è immediatamente abbandonato al rito di “cicchetti & ombre”. In fondo è una persona coerente. Il bacaro Al Squero, zona Dorsoduro, lo ha convinto con il cicchetto Gambero in Saor. La cosa più buona mangiata in questa due giorni veneziana.

La sfida era: come fotografare Venezia in modo meno convenzionale. Mi farebbe piacere avere vostre foto nei commenti, la vostra visione non stereotipata della città lagunare.

Rispondi