Reblog, stimoli dal web #3

Nella rubrica Reblog segnalo articoli di altri blog che ho letto di recente e che mi sono piaciuti. Re-bloggo, in ordine sparso non di preferenza, post che mi hanno colpito, per le più svariate ragioni: trattano di un argomento a me caro, mi hanno fatto venire voglia di leggere, viaggiare, fotografare, ascoltare musica, andare al cinema. Li segnalo a voi perché sono scritti bene o sono originali, o, in definitiva, perché in me è scattato il fatidico “avrei voluto scriverlo io”.  Un mio personalissimo Reader’s Digest

√    PREPARARSI AL CAMINO DE SANTIAGO:  Una piccola guida scritta da chi lo ha già percorso. Ci sono i 5 punti fondamentali da prendere in considerazione prima di affrontare una sfida che può segnare un’intera esistenza.

cammino-santiago-di-compostela

√     STATUA DELLA LIBERTA’ MILANO COME NEW YORK  Forse non tutti lo sanno (nemmeno io prima di aver letto questo post), ma la città meneghina possiede una scultura molto simile al famoso monumento newyorkese, realizzata 70 anni prima. Si è ispirato a lei Frédéric Auguste Bartholdi?

statua-liberta-milano

√     WILD TURKEY, IL BOURBON ADDOMESTICATO AD ARTE  Amo il bourbon, è nord america al 100%. In particolare apprezzo il RYE statunitense con la segale presente (almeno) nella misura del 51%. Nel post che segnalo si parla di diversi bourbon Wild Turkey che maturano dai 5 ai 12 anni in botti nuove tostate all’interno. Trovate anche  tre interessanti cocktail a base di bourbon.

√     5 LIBRI SULLA VECCHIAIA    Proposte di lettura. Una lista di libri che raccontano esistenze e vicende di persone anziane. Da Abraham B. Yehoshua ad Anna Luisa Pignatelli.

√     SULLA SCRITTURA E IL TEMPO QUASI PERSO   Massimo Mantellini, uno dei primi blogger italiani, autore del libro “Bassa risoluzione” presentato anche a Pescara, nella scorsa edizione del Festival delle Letterature dell’Adriatico, ha un giudizio “cinico ma consolidato” sulla scrittura di oggi. Dice che appena il 5% di quello che gli capita di leggere può definirsi “letteratura”. Siete d’accordo?

Rispondi