Fatoumata-ha-qualcosa-da-dire

Africa, Fatoumata ha qualcosa da dire

Conoscete Fatoumata Diawara?  Attrice, cantante e chitarrista,  è considerata una delle più interessanti artiste africane contemporanee. Ha collaborato con nomi di primo piano della musica internazionale come Bobby Womack o Herbie Hancock e perfino Paul McCartney.

Canta nella lingua del suo Paese, il Mali, ma si è trasferita in Italia, sul lago di Como, dopo anni trascorsi a Parigi.

Il brano Nterini

Tratto dal suo secondo album da solista, Fenfo (traducibile in “qualcosa da dire“), il singolo Nterini (nel video qui sotto) è una canzone sulla sofferenza di due innamorati costretti a vivere distanti: il mio amore, il mio compagno è andato via e non mi scrive più. Lo amo nonostante tutto, e mi manca ogni giorno. Voglio sentire il mio amato; altrimenti non dormirò bene la notte.

Come la stessa artista spiega: “ho deciso di parlare in questo modo dell’immigrazione perché da quattro o cinque anni a questa parte vediamo l’immagine dei nostri fratelli che partono sui barconi, e la gente che non conosce l’Africa è portata a pensare che è tutta l’Africa che parte, che non c’è più nulla in Africa. Che è la miseria da cui si fugge, e che laggiù non c’è più niente.

Nterini è il primo pezzo del disco, per parlare dall’immigrazione e per far capire che l’Africa non è rappresentata da queste immagini di barconi: proveniamo da qualche parte,e abbiamo molto da insegnare all’umanità.

Il caso della schiavitù in Libia è stato il culmine, mi ha molto ferita! Mentre io che sono sul palco, sono pronta ad alzare il pugno per dire che la gioventù africana è pronta a trovare una via d’uscita, che c’è una nuova Africa che arriva. Credo a quello che dico. Vai in Gana, in Nigeria, in Angola, anche in Burkina Faso. Succedono un sacco di cose laggiù. Proviamo allora a fare in modo che ci siano delle sfumature. Altrimenti questa immagine ci schiaccerà. Quindi mi sono detta : continuerò a parlare dei nostri problemi, ma in maniera più positiva. Read More

Audiolibri come iniziare

Audiolibri: perché si, come iniziare

Sono una forma di lettura: gli audiolibri si leggono con le orecchie. E aiutano a leggere, non c’è dubbio, leggi di più.

Capita di riuscire ad audioleggere tomi che non avremmo mai avuto idea di leggere normalmente, per mancanza di tempo.  Conosco gente che ha finito il pluripremiato “Patria” di Fernando Aramburu, da molti definito come un capolavoro, un librone di oltre 600 pagine pubblicato in Italia da Guanda. Come? Durante gli spostamenti in macchina o in treno o facendo running.

Qualcuno ha scritto che “anche classici come Anna Karenina diventano alla portata”. Sono d’accordo: in audiolibro il capolavoro di Lev Tolstoj, incubo di molti studenti, dura 42 ore. Se state un’ora al giorno su un treno, un bus o una metro per andare e tornare dal lavoro, avete bisogno di poco più di 8 settimane. Non è molto, se ci pensate.

Certo, ascoltare un audiolibro è molto diverso dal leggerlo. Chi legge per noi il libro è generalmente un bravo attore, che fa ogni sforzo per rendere il senso e l’atmosfera voluti dall’autore. Dobbiamo però predisporci all’ascolto, rallentare e tornare ad ascoltare.

È poi vero che non sempre leggere con le orecchie è come leggere. Può capitare che un testo, trasformato nelle parole di qualcuno, perda incisività. A me è capitato con “Le otto montagne” di Paolo Cognetti: ho ascoltato un estratto dell’audiolibro, ho letto le prime pagine del libro. Ed ho optato per il metodo più tradizionale. Felice di aver letto un grande libro, premiato con lo Strega 2017. Peraltro, può capitare anche che scrittori che magari avremmo abbandonato dopo poche pagine si trasformino in letture piacevoli, grazie alla voce di chi legge.

Se vi ho incuriosito e accettate un suggerimento su come iniziare ad ascoltare gli audiolibri anche gratis, seguitate.

5 audiolibri per iniziare, nel mio ordine di preferenza:

1) Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana, di Carlo Emilio Gadda, letto da Fabrizio Gifuni, Emons Edizioni. Roma, durante il fascismo. Il commissario di polizia don Ciccio Ingravallo è incaricato di svolgere un’inchiesta su un furto di gioielli avvenuto al 219 di via Merulana. Un capolavoro assoluto, con uno degli incipit più belli della letteratura italiana, è letto in modo magistrale da Gifuni. Qui sotto vi posto un’intervista al bravissimo attore, con la possibilità di vederlo all’opera mentre registra.

2) Una cosa divertente che non farò mai più, di David Foster Wallace, letto da Giuseppe Battiston, Emons Edizioni. Imbarcatosi per conto della rivista “Harper’s” su una crociera extralusso ai Caraibi, David Foster Wallace scrive un reportage che è ormai diventato un classico dell’umorismo contemporaneo. Mi ha convinto, una volta di più, a NON andare mai in crociera.  Battiston (lo ricordate in Pane e Tulipani o in Perfetti sconosciuti?) è semplicemente perfetto. Read More